Stretching for Dummies on Exibart.com

>>>Italian Only>>>

pubblicato venerdì 27 ottobre 2006

Sono all’insegna dell’ironia i video di Kensuke Koike (Nagoya, Giappone, 1980), nei quali egli stesso è protagonista di performance improbabili, raccontate con trucchi cinematografici da b-movie. In Don’t stop believin’ esegue una verticale su una sola mano appoggiato ad un muro, ma essendo inquadrato per lunghi secondi dalle ginocchia in giù si può dedurre che venga legato o opportunamente tenuto per i piedi da qualche assistente. In 13/06/2005, dopo mille tentativi e titubanze riesce a saltare sul tetto di un garage senza sforzo, mentre in Watch quietly and learn, torso nudo alla Bruce Lee, spegne numerose candele con rapidi movimenti da karatekida sottolineati dagli urli del caso e dal fruscio dell’aria. Filtrato dall’ironia e da immagini programmaticamente amatoriali, Koike ci racconta l’universo contemporaneo al grado zero.

Un universo visuale postmoderno, popolato di trovate, in cui è possibile che la propria ragazza, fotografata seguendo lo schema compositivo del Ritratto della propria madredi Whistler, si allunghi fino a diventare assurdamente filiforme.

daniele capra
mostra visitata il 30 settembre 2006