ART//TUBE

watch video

>>>Italian only>>>

Chi tra i nostri cinque si è spontaneamente avvicinato al linguaggio amatoriale è Kensuke Koike (Nagoya, 1980), forse in virtù di una connaturata sensibilità da “ultima generazione”. The Elephant Man del 2001 è una tipica postproduzione, in cui una sequenza terribilmente drammatica del film di David Lynch viene riproposta tale e quale, salvo per un’unica travolgente intromissione: vi sono state sincronizzate le risate preregistrate tratte dalle comiche di Mr. Bean. In questo modo Koike fa suo un celebre film rovesciandone il senso originario, in anticipo sulla pratica del détournement che attualmente spopola su YouTube. Oltre a ciò, bisogna intendere l’operazione come riflessione su quell’enorme sfera di eventi che oggi non accadono più in un ambito separato da quello delle immagini. L’evento si dà in tutto per tutto dentro le immagini e non per questo le sue ripercussioni risultano meno incisive. Forse, un tempo, il reale era semplicemente anteriore alle immagini, che pertanto si limitavano a registrarlo o altrimenti lo ignoravano dedicandosi a un’irrealtà totalmente avulsa dall’esperienza concreta. Ora si è aggiunto un altro reale, tale in virtù degli effetti che esercita sulla nostra esperienza, insito nella vitalità autonoma delle immagini. Ciò risulta evidente nei montaggi fotografici cui Koike si applica da sempre: essi danno corpo a parate di creature fantastiche che sono perverse condensazioni di miriadi di immagini (Hyakki Yakou. Night Parade of One Hundred Demons, 2009). Anche quando Koike passa a video che sembrerebbero motivati dalla «fame di realtà» nel documentare minute performance comportamentali, in realtà gioca sulla finzione, della quale esibisce il trucco come un prestigiatore da quattro soldi (Mr. Baku Show, 2007; Miracle of Prophet, 2009). Un trucco che sempre deriva dall’elaborazione effettuata dentro il flusso delle immagini, quel flusso assieme al quale scorre buona parte della nostra vita.

Guido Bartorelli

PP 66-67 from catalogue of Exhibition “ART//TUBE”

ISBN 978 88 6129 588 9